Star Worst: i peggiori film del 2015

Alla fine è più che altro una questione di aspettative. Di attese personali oltre che di bontà effettiva. Di elucubrazioni private tradite, di attese tutte nostre che si frantumano dinanzi a film assai deludenti. Eppure l’oggettiva bruttezza è sempre pronta a manifestarsi, ogni anno, sotto inaspettate o prevedibili vesti. Questo per dirvi che siamo qui a leggere la mia personale perplessità a forma di 2015 cinematografico. Non per forza film orrendi, e non sempre pellicole scadenti, ma anche opere sopravvalutate, schiacciate dalle suddette speranze o immerse in un vischioso squallore.

peterotooleratatouille
Non di sole emozioni colorate, imperatrici furiose, risvegli stellari, iperbolici ritmi jazz e intelligenze artificiali ha vissuto quest’anno.
Ecco il peggio a cui siamo stati costretti. Le illusioni, gli errori visibili da tutti ma non dai diretti interessati e l’imbarazzo. Eccoli, di nuovo. Eccoli, purtroppo.

Sono 8, perché sono talmente svogliati da non arrivare ad una canonica decina.

 

 

8) The Imitation Game

THE IMITATION GAME

Gradisce una confezione di Roma o andiamo con il solito Arpeggio?

Diciamo la verità. Ogni classifica sul peggio dell’anno è scritta con una buona dose di piacere sadico, e inserire subito un giudizio impopolare scuote subito la sensibilità e l’attenzione del curioso lettore, altrettanto affamato di infamia e cattiveria. Quello di Tyldum è un film educato, girato col pilota automatico e quindi prevedibile, stantio. Troppo pensato per piacere il più possibile, con più cervello che cuore. Fosse uscito nel 2000, forse, sarebbe stato da lodare, ma tutto assomiglia ad un dejà vù. Cumberbatch nella sua ennesima maschera di individuo superiore e genio glaciale (dopo Sherlock e il villain di Star Trek facciamo anche basta) e Keira Knightley che non riesce proprio a farci capacitare di una delle più assurde nomination all’Oscar. Sarà per il ritmo compassato e la narrazione patinata da filmone di RaiUno o, forse, per quelle bobine sempre sullo sfondo che, per me, sembrano delle cialde della Nespresso.

 

7) Exodus

EXODUS: GODS AND KINGS

Anche in Egitto si giocava alla morra cinese.

Ridley, per fortuna ti abbiamo ritrovato su Marte, perché anche la Bibbia non ci ha illuminato sulla tua sorte. Dov’eri finito? Che ti era successo? Exodus è un altro film non necessario di un regista che sembrava perduto, senza alcun motivo d’interesse e d’esistere. Nemmeno un carismatico Christian Bale riesce ad evitare una piaga di film. Impreziosito da una Sigourney Weaver evanascente e da uno scontro sulle bighe che si sforza di essere memorabile senza riuscirci. Mosè Begins no. Non funziona. Scusa, Ridley. Perdonami, Christian.

 

6) Il Settimo Figlio

23

“Fammi coprire, che è meglio”.

Dopo il Grande Lebowski, Il Drugo Jeff Bridges e Juliane Moore si riabbracciano. Nei film dei fratelli Coen si destreggiavano tra meravigliose allucunazioni, ma in questo maldestro dark fantasy travestito da imbarazzante Fantaghirò 2.0 emerge soltanto una storia allucinante. Costumi ed effetti speciali degni dei peggiori episodi di Xena, un Ben Barnes come sempre inutile e un Alicia Vikander meno espressiva di quando Oscar Isaac la teneva ancora spenta in Ex Machina. La magia del fantasy è spezzata. L’incantesimo sollevato da Peter Jackson si è spento da tempo. Consigliato per uno spensierato sabato pomeriggio su Italia 1.

 

5) Jupiter – Il destino dell’universo

maxresdefault

“Avanti, dove sono i veri Wachowski?”

Uno dei due fratelli Wachowski ha cambiato sesso, ma il fatto è che entrambi sembrano aver cambiato mano, testa, tatto, sguardo. Tutto. Jupiter è un calderone confuso di fantasy e sci-fi dove Mila Kunis dimostra tutta la sua goffaggine. Anche perché dimostrarsi “più piccola” persino di questo Tatum è ardua impresa. Dopo averlo visto, la sensazione è quella di una frastornante sessione di gioco alla PlayStation 3. Il gioco lo avete pagato 4 euro e lo avete preso dallo scatolone delle offerte di MediaWorld.

 

4) Pixels

ap_pixels_ml_150724_16x9_992

I Lannister non pagano sempre i loro debiti.

Avete presente la magia citazionista di Ralph Spaccattuto e la nostalgia immatura di Ted? Niente di tutto questo. Per una volta il “game over” dovrebbe apprire prima della scritta “insert coin”, ma il vostro biglietto, ormai, è già bello che pagato. Adam Sandler, ci sei riuscito. Di nuovo.
3) Terminator Genisys

epcjckx9aql6darbtjvv

Se mentre guidi si guarda indietro, ci si schianta.

“I’ll be back”. Perché hai mantenuto la promessa, Arnold? Potevi rimanere lì, ancorato ai ricordi più belli di James Cameron e invece sei tornato a combattere. Sei il meno stanco di tutti, perché i problemi sono soprattutto degli altri. Di un regista incapace di aggiornare il mito, ma solo di aggrovigliarsi e perdersi in una storia inutilmente contorta. Di un trailer che svelava un’assurda scelta di sceneggiatura. Di un casting sbagliato. Tu hai fatto il tuo, Governatore. Hai imparato l’ironia dai Mercenari e ti sei messo a sorridere di te stesso. Ti perdoniamo, mentre con un dvd in mano, ci apprestiamo a rivedere il tuo pollice in su sciogliersi lentamente nella lava. Piangiamo lacrime di magma.

 

2) The Gunman

THE-GUNMAN

“Ci vediamo su Rai 2 alle 14,45”

Colpi di tosse e imbarazzo su tutti i fronti. Un film senza alcun senso, con delle scene d’azione ridicole, uno Sean Penn fuggito male da una rimpatriata organizzata da Stallone e uno Javier Bardem che, giustamente, saluta presto la cafonata. Il merito è soltanto uno: rivalutare le scene d’azione de L’Ispettore Derrick.
1) Fantastic 4

Fantastic-Four-Reed-Richards-4

Miles Teller guarda la scheda del film su Rotten Tomatoes.

Un’operazione sbagliata prima ancora di entrare in sala. Ripudiata dagli attori, anticipata da dichiarazioni masochiste, affossata da una Cosa che sembra una croccola ambulante. Può il titolo di un film darsi il voto da solo? Sì. E in questo caso si sopravvaluta.

 

 

Giuseppe Grossi

Annunci

One response to “Star Worst: i peggiori film del 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: