Paradiso Amare

Image

Hawaii. Paradiso naturale. Sole, mare, verde. Ma dove ci sono alberi c’è anche terreno, fango. La storia di Matt King in effetti parla di radici e di rami, degli equilibri  sempre in bilico di quel micro mondo a sé stante, proprio come un’isola, che è la famiglia. Una moglie in coma per un incidente, due figlie di cui troppo tardi si ricorda di essere padre. Possidente terriero e grande risparmiatore, Matt sembra vivere in standby, col danaro, come con i sentimenti. Sarà proprio nella tragedia e nel coma degli affetti che, per forza di cose, sarà costretto a scuotere una vita seduta su se stessa.

Alexander Payne riprende con sapori agrodolci un film di convivenze e conciliazioni. L’inferno che irrompe in un (presunto) paradiso, l’amore bastonato portato all’estremo dall’odio stesso. Un’opera di affetti speciali in cui ogni personaggio si fa subito persona, a partire da Clooney, perfetto nel togliersi di dosso l’aria da perfetto divo e calarsi in quello dell’uomo qualsiasi che implode nella sua goffa fallibilità. Dal camice (di E.r.) alle camicie hawaiane il passo è tutt’altro che breve.

Paradiso amaro mette in scena l’esplorazione del dolore come occasione di ricostruzione, la fine di una vita come inizio di un percorso tutto nuovo. Laddove il lutto, con le sue ceneri, costruisce cemento per chi rimane. Nonostante una traduzione apparentemente infelice (in originale il titolo è The Descendants) il titolo italiano rappresenta perfettamente la dicotomia in cui ci si addentra in sala. Lacrime che scivolano su sorrisi, ironia che spezza il dramma e un letto di morte che nonostante tutto ricostruisce un divano, di nuovo sereno in qualche modo, nonostante tutto.

Giuseppe Grossi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: